LA TEORIA DELLE INTELLIGENZE MULTIPLE

Agli inizi del XX secolo, BINET mise a punto il primo test per misurare il comportamento intelligente.

Quoziente di intelligenza, ossia il rapporto tra l’età mentale e l’età cronologica.

Gardner tenta di andare oltre quella concezione che vede il comportamento intelligente ridotto ad una serie di operazioni misurabili attraverso test o prove di performance.

Gardner propone l’esistenza di diverse competenze intellettuali o “intelligenze umanein grado di combinarsi in vario modo in ogni individuo e il cui sviluppo è influenzato dai diversi contesti culturali, i quali tendono a privilegiare un particolare tipo di intelligenza a discapito degli altri.

L’INTELIGENZA

è la capacita’ di risolvere i problemi o di creare prodotti apprezzabili in uno o piu’ contesti.

Ogni individuo normale possiede le 7 intelligenze, qualcuna più forte, qualcuna più debole, e le differenze individuali sono date dal modo diverso di accesso o di efficiente utilizzo dei processi nei vari campi.

LE SETTE INTELIGENZE MULTIPLE

La teoria delle intelligenze multiple non è il prodotto a tavolino di uno studioso in materia, ma si fonda su anni di ricerche in campo neurologico con bambini aventi lesioni al cervello, non più in grado di utilizzare alcune abilità – per esempio quella linguistica o logica -, e con bambini prodigio, che avevano alcune abilità sviluppate in grado estremo.

Il punto di partenza della sua teoria è la convinzione che sia errato ritenere che ci sia qualcosa chiamata “intelligenza” che possa essere obiettivamente misurata e ricondotta ad un singolo numero, ovvero ad un punteggioIQ”.

Secondo Gardner, ogni persona è dotata di almeno 9 tipi di intelligenza ovvero, è intelligente in almeno 9 modi diversi.

Ciò significa che alcuni di noi possiedono livelli molto alti in tutte o quasi tutte le intelligenze, mentre altri hanno sviluppato in modo più evidente solo alcune di esse.

Tuttavia è importante sapere che ognuno può sviluppare tutte le diverse intelligenze fino a raggiungere soddisfacenti livelli di competenza.

Tutti possiamo sviluppare le nostre diverse intelligenze se siamo messi nelle condizioni appropriate di incoraggiamento, arricchimento e istruzione.

Le intelligenze sono strettamente connesse tra di loro e interagiscono in modo molto complesso.

Se ciascuno è cosciente delle proprie intelligenze più forti e di quelle più deboli, può usare le più forti per sviluppare o compensare quelle più deboli.

Gardner sostiene che gli esseri umani si sono evoluti fino a riuscire ad eseguire almeno sette forme separate di analisi relative o nove forme d’intelligenza:

INTELLIGENZA LOGICO-MATEMATICA

(come quella degli scienziati) abilità implicata nel confronto e nella valutazione di oggetti concreti o astratti, nell’individuare relazioni e principi.

Viene utilizzata per pensare con i numeri e riflettere sulle loro relazioni.

• I numeri e i simboli rappresentano le relazioni espresse da quest’intelligenza.

• Coloro che prediligono questa intelligenza trovano piacevole risolvere problemi, quantificare risultati, determinare relazioni di causa-effetto e se-allora.

Forme di questa intelligenza sono il creare, pensare su e risolvere problemi, analizzare le componenti di oggetti e situazioni, usare simboli astratti, scoprire ed utilizzare algoritmi e sequenze logiche.

Implicazioni educative:

• Gli studenti che prediligono l’uso di questa intelligenza apprendono più facilmente utilizzando la logica, risolvendo problemi e analizzando opportunità.

• Essi trovano vantaggioso fare domande, fare esperimenti e analizzare i risultati nel tentativo di risolvere i problemi e comprendere la realtà.

• Pensano in modo chiaro ed analitico, usano simboli astratti, risolvono velocemente i problemi e pensano con numeri, modelli e algoritmi.

– Compilare liste o organizzare fatti

– Usare forme di ragionamento deduttivo

– Usare simboli astratti e formule

– Risolvere problemi logici o storici

– Risolvere indovinelli

– Analizzare dati

– Usare grafici

– lavorare con sequenze di numeri

– Utilizzare il computer

– Decifrare codici

– Creare o identificare forme

– Fare ipotesi

INTELLIGENZA LINGUISTICA

(come quella dei poeti) abilità che si esprime nell’uso del linguaggio e delle parole, nella padronanza dei termini linguistici e nella capacità di adattarli alla natura del compito.

Viene utilizzata per pensare con le parole e riflettere su di esse.

• Il linguaggio scritto e orale sono simboli per esprimere questo tipo di intelligenza.

• Leggere, scrivere, parlare e ascoltare sono le attività preferite da coloro che prediligono l’intelligenza verbale linguistica.

• Alcune forme espressive includono fare giochi di parole, discutere, scrivere poesie e prendere appunti.

• Implicazioni educative:

Gli studenti in cui predomina questa intelligenza apprendono meglio ascoltando presentazioni verbali, leggendo, scrivendo e discutendo.

Hanno un buon vocabolario, comunicano efficacemente, parlano speditamente, scrivono in modo chiaro e pensano con le parole

Gli insegnanti possono rafforzare l’intelligenza linguistico-verbale negli studenti chiedendo loro di: creare presentazioni orali, saggi scritti e poesie, dibattiti e dialoghi su temi giornalistici, riassunti di letture. Inoltre, gli studenti possono essere stimolati attraverso l’apprendimento di lingue straniere e l’affinamento della propria lingua migliorando la sintassi, il vocabolario, la grammatica e i vari generi di scrittura.

Scrivere lettere, poesie, storie, descrizioni

• Condurre una discussione o un dibattito

• Creare delle registrazioni su cassetta

• Fare una presentazione orale

• Tenere un diario

• Creare giochi di parole

• Fare interviste

• Creare slogan

INTELLIGENZA MUSICALE

(come quella dei compositori) abilità che si rivela nella composizione e nell’analisi di brani musicali, e nella capacità di discriminare con precisione altezza dei suoni, timbri e ritmi.

INTELLIGENZA VISIVA SPAZIALE

(come quella degli scultori o dei piloti di aereo) abilità nel percepire e rappresentare gli oggetti visivi, manipolandoli idealmente, anche in loro assenza.

Viene utilizzata per pensare con immagini visive e fare elaborazioni su di esse.

• Si esprime attraverso la pittura, la scultura, la combinazione di oggetti, la navigazione nello spazio.

• Coloro che prediligono questo tipo di intelligenza amano scarabocchiare, creare, disegnare, combinare i colori e gli oggetti, e hanno spesso un buon senso dell’orientamento.

• Forme tipiche sono: costruire e interpretare mappe, decorare, fare schemi e disegni, fare collage.

Implicazioni educative:

• Gli studenti che prediligono l’uso di questa intelligenza apprendono più facilmente attraverso stimoli quali: grafici, disegni, fotografie, animazioni al computer, film e video.

La loro capacità di apprendere è valorizzata dall’opportunità di svolgere compiti attraverso forme visive e di rappresentare i contenuti attraverso la creazione di figure.

• Sono bravi nel nell’utilizzare le relazioni spaziali, hanno un ‘buon occhio’ per i dettagli e i colori, visualizzano le soluzioni ai problemi.

• Creare tabelle, grafici o diagrammi

• Creare pagine web o presentazioni in Power Point

• Fare film o album fotografici • Fare una mappa mentale • Creare collage • Fare una scultura • Usare i colori e le forme • Usare ‘fantasie guidate

INTELLIGENZA CORPOREO-CINESTETICA

(come quella degli atleti o delle danzatrici) abilità che si rivela nel controllo e nel coordinamento dei movimenti del corpo e nella manipolazione degli oggetti per fini funzionali o espressivi.

• Viene utilizzata per pensare con movimenti e gesti.

• Si esprime attraverso simboli quali le espressioni
facciali, la gestualità delle mani e i movimenti.

• Coloro che prediligono questo tipo di intelligenza
amano svolgere attività fisiche, attività con le mani,
azioni e sviluppare abilità fisiche.

• L’intelligenza stimolata mediante l’interazione
fisica attiva con il proprio ambiente.

• ..attività motorie fini e dalle attività grosso-motorie,
come quelle che si trovano nei laboratori dove si
svolgono attività di manipolazione, nei laboratori di
scienze, nei giochi attivi e nelle improvvisazioni
drammatiche.

• …gli alunni dotati di forte intelligenza cinestetica
possono sembrare «iperattivi», ma se l’apprendimento si basa sull’esperienza pratica sono
molto bravi.

Implicazioni educative:

• Gli studenti in cui predomina
questa intelligenza apprendono
meglio attraverso il movimento e le attività con le mani.

• L’apprendimento è facilitato
quando i contenuti vengono
simbolizzati attraverso il
movimento e quando è data loro la possibilità di esprimersi in creazioni che includano attività, mimo o movimento.

• Sono molto coordinati, utilizzano gesti e linguaggio corporeo, apprendono attraverso il “fare” le attività, smontando e rimontando le cose.

INTELLIGENZA INTERPERSONALE

(come quella dei commercianti o degli insegnanti) abilità di interpretare le emozioni, le motivazioni e gli stati d’animo degli altri.

Viene utilizzata nella conoscenza e nelle relazioni con gli altri.

• A coloro che prediligono questo tipo di intelligenza piace lavorare con gli altri, prendersi cura degli altri e apprendere insieme ad altri.

• Alcune forme di questa intelligenza includono: abilità di leadership, abilità nel fare amicizia e abilità nel comprendere punti di vista diversi dai propri.

Implicazioni educative:

• Gli studenti in cui predomina questa intelligenza apprendono meglio attraverso l’interazione con gli altri sui contenuti.

L’apprendimento è facilitato quando trovano l’opportunità di interagire con punti di vista diversi dai propri.

Hanno facilità nel fare e nel mantenere amicizie, comprendono e rispettano gli altri, sono abili nel risolvere conflitti e nell’organizzare gli altri.

• rispondere (dare un feedback) a docenti o ad alunni

• intuire i sentimenti degli altri

• sviluppare capacità empatiche

• dividere il lavoro

• comunicare direttamente

• usare strategie di cooperazione • ricevere un feedback

• capire le motivazioni degli altri • fare progetti di gruppo

• insegnare qualcosa a qualcuno

• creare ruoli nei gruppi

• recitare in una commedia o in una simulazione

• Viene utilizzata per riflettere sui propri sentimenti, umori e stati mentali.

Sogni, immagini mentali e sentimenti sono i simboli per pensare ed esprimersi attraverso questa intelligenza.

• Coloro che prediligono questo tipo di intelligenza amano la solitudine, la contemplazione e l’opportunità di esplorare stati interiori e pensieri riguardanti preferenze, piani, fantasie, memorie e sentimenti.

Implicazioni educative:

• Gli studenti in cui predomina questa intelligenza apprendono meglio attraverso l’introspezione, la riflessione e un tempo di pensiero individuale.

L’apprendimento è facilitato quando trovano l’opportunità di stare da soli a scrivere, disegnare, scarabocchiare, o inseguire i loro pensieri.

• Hanno bisogno di tempo per elaborare le informazioni, hanno convinzioni e opinioni radicate, pensano con la propria testa.

• Questa intelligenza aiuta l’alunno a stabilire un rapporto affettivo con ciò che studia a scuola.

I bambini che chiedono: «Perché devo imparare queste cose?» o «A cosa mi servono queste cose?» stanno applicando la loro intelligenza interpersonale.

• tenere un diario

• darsi obiettivi a medio e lungo termine

• descrivere le proprie emozioni su un argomento

• valutare il proprio lavoro

• descrivere le proprie forze e debolezze

• svolgere un progetto individuale • darsi scadenze per il completamento dei lavori di classe

• avere momenti di silenzio per riflettere

• usare tecniche metacognitive

• avere la possibilità di processare le informazioni emotivamente

• usare abilità di concentrazione

INTELLIGENZA NATURALISTICA

e che si riferisce alla capacità di rapportarsi, di riconoscere e di trattare piante, animali e, in generale, tutti i vari aspetti dell’ambiente naturale.

• Viene utilizzata per pensare alle piante, agli animali, alle nuvole, alle rocce e ad altri fenomeni naturali.

• Coloro che prediligono questo tipo di intelligenza si divertono nel collezionare, analizzare, studiare e curare piante, animali e gli ambienti naturali.

Essi sono sensibili agli aspetti ecologici di piante e animali e alle questioni ambientalistiche.

• È l’intelligenza delle categorie e delle gerarchie. ..studio della botanica, della zoologia e di altre scienze, per i processi che queste discipline promuovono e richiedono: la classificazione, la categorizzazione e le strutture gerarchiche.

Implicazioni educative:

• Gli studenti in cui predomina questa intelligenza apprendono meglio attraverso: presentazioni che coinvolgono fenomeni naturali, la riproduzione di fenomeni naturali nella classe, l’interazione con la natura in ambienti naturali.

• L’apprendimento è facilitato quando i contenuti possono essere selezionati, collegati e classificati nel mondo naturale attraverso analogie.

Hanno buone capacità di osservazione, sono abili nel discriminare, elencare e classificare, comprendono fenomeni naturali.

• L’intelligenza naturalistica può essere stimolata nella classe con attività come il raggruppamento di cose che hanno un attributo comune, la creazione di diagrammi e la costruzione di mappe concettuali.

• Classificare specie di piante e di animali

• Lavorare all’aria aperta

• Collezionare oggetti della natura

• Fare osservazioni del cielo

• Utilizzare strumenti scientifici per osservare la natura

• Fare progetti sulla catena alimentare, sul ciclo dell’acqua e sull’ambiente

• Far parte di gruppi di protezione dell’ambiente

• Occuparsi di problemi ambientali

INTELLIGENZA ESISTENZIALE

concerne la capacità di saper riflettere sulle tematiche fondamentali della nostra esistenza e la propensione al ragionamento astratto per categorie concettuali universali.

Rappresenta la capacità di riflettere consapevolmente sui grandi temi dell’esistenza, come la natura dell’uomo, e di ricavare da sofisticati processi di astrazione delle categorie concettuali che possano essere valide universalmente.

Tipica dei filosofi e degli psicologi, e in parte anche dei fisici.